Europa
La Commissione ci chiede un'ulteriore manovra da 3,4 miliardi, ma la metodologia che usa per i suoi conti, oltre che ideologicamente orientata, è screditata da un suo stesso gruppo di studio e dalla Bce. L'Italia l'ha contestata, ma si pretende di continuare ad applicarla come se niente fosse. La richiesta va respinta, anche se i nostri governi hanno accumulato errori che quattro autorevoli economisti ricapitolano in un documento
Carlo Clericetti
Domenica, 5. Febbraio 2017
Europa
Sempre pronte e puntuali quando c’è da richiamarci al rispetto delle regole, Bruxelles e Berlino restano inerti, o addirittura ci ostacolano, quando dobbiamo affrontare qualche difficoltà, come per le banche e per i migranti. E come è accaduto con le prime mosse di Macron, che non promettono nulla di buono
Attilio Pasetto
Sabato, 29. Luglio 2017
Libri
Un saggio di Carlo Pavolini ripercorre in modo critico le ultime riforme. Bene le soprintendenze uniche territoriali, ma bisogna vedere come poi si applicherà la decisione, visto che sembra del tutto assente una visione complessiva dei problemi
Claudio Salone
Sabato, 29. Luglio 2017
Stato Sociale
La riforma organica di Berlinguer (del 2000) fu affossata dal successivo governo Berlusconi. Il centro sinistra (con Fioroni) si limitò a interventi parziali, e poi il duo Tremonti-Gelmini inaugurò la stagione dei tagli. Il colpo di grazia è arrivato con la renziana “Buona scuola”
Claudio Salone
Venerdì, 15. Settembre 2017
Libri
La rivista Mondo contemporaneo dedica un numero ai problemi del Sud dal dopoguerra a oggi. Pubblichiamo ampi stralci dell'introduzione e gli abstracts dei tre saggi di Filippo Sbrana, Marco Zaganella e Francesco Dandolo
Filippo Sbrana
Sabato, 14. Gennaio 2017
Stato Sociale
Uno dei decreti attuativi si propone la "promozione della cultura umanistica", ma, a parte la vaghezza e la sciatteria del testo, di letteratura o filosofia o lingue classiche non si parla mai. Si parla invece di arti, patrimonio culturale, "Made in Italy": insomma, studiate quel che fa guadagnare. Dulcis in fundo: esclusi nuovo personale o finanziamenti
Claudio Salone
Domenica, 5. Febbraio 2017
Italia
I votanti sono stati 5 milioni in più che alle europee del 2014, quasi quanto il margine di vantaggio del NO. Chi si asteneva nelle altre elezioni perché non si riconosceva più negli attuali partiti si è rifatto vivo al referendum, e dall'esame incrociato con le dichiarazioni di appartenenza partitica si può dedurre che circa due terzi , 3,3 milioni, sono di sinistra. Sarebbero l'elettorato potenziale di un nuovo partito capace di attrarli
Carlo Clericetti
Giovedì, 8. Dicembre 2016
Italia
E' scomparso Giacomo Becattini, il primo a studiare il fenomeno dei distretti industriali italiani, che trainarono lo sviluppo dagli anni '70 e fino ai '90. Da allora il modello comincia a perdere colpi. La crisi ha ridotto i distretti dai 199 del 1991 ai 156 del 2001 ai 141 del 2011: alcuni hanno reagito bene, altri no e anche all'interno ci sono situazioni differenti
Attilio Pasetto
Domenica, 5. Febbraio 2017
Lavoro
Un'analisi sull'applicazione della legge sul salario minimo in Germania ai minijob, quelli retribuiti con 450 euro mensili.Secondo due indagini con campioni vastissimi solo appena più del 50% è in regola con le norme
Toralf Pusch e Hartmut Seifert
Giovedì, 1. Giugno 2017
Italia
Con la bocciatura schiacciante del tentativo di snaturare la Costituzione da parte di un Parlamento non legittimato a farlo il popolo ha reclamato un nuovo inizio, ma non sa come tradurre la vittoria in azione politica per incassarne i vantaggi. L’equivoca legalità che caratterizza la situazione attuale ricorda la Repubblica di Weimar
Umberto Romagnoli
Mercoledì, 11. Gennaio 2017
Italia
Fatta 100 la retribuzione reale media di un dipendente a tempo pieno nel 1995, nel 2006 l’indice aveva raggiunto il valore di 101,5 e ad oggi non è cambiata. Frutto dell'accordo del '93, necessario per l'emergenza, ma che protratto nel tempo ha inceppato la crescita, innescando un circolo vizioso di bassi consumi che scoraggiano gli investimenti
Leonello Tronti
Domenica, 5. Marzo 2017
Lavoro
Renzi e il governo sostengono che sia merito della loro riforma se il numero di occupati è tornato a 23 milioni, come nel 2008: quando però il Jobs Act non c’era e anzi era ancora in vigore l’art. 18. Nessuna legge crea lavoro, il cui andamento è dovuto alla sia pur debole ripresa. Queste “riforme” mirano ad altro
Carlo Clericetti
Venerdì, 15. Settembre 2017
Italia
Pier Luigi Bersani, ex segretario del Pd e autorevole rappresentante della minoranza del partito, ha diffuso un suo intervento dal titolo "Il centrosinistra deve dare vita a una nuova piattaforma politica. La via seguita finora è sbagliata", che conclude auspicando una discussione. Con questa "lettera aperta" - da semplice cittadino - accolgo l'invito
Carlo Clericetti
Domenica, 5. Febbraio 2017
Italia
“I fondi pubblici per la ricerca sono nella media europea”, ha detto Matteo Renzi. Peccato che non sia vero. E ancora meno sono i fondi privati, a cui pure – in nome dell’ideologia di lasciar fare al mercato – è stata in pratica appaltata la materia. Le conseguenze si vedono, e chi volesse tentare un recupero avrebbe un compito assai arduo
Sergio Ferrari
Giovedì, 1. Giugno 2017
Stato Sociale
Il grande economista appena scomparso aveva dedicato la vita agli studi sulla disuguaglianza e la povertà. Nel suo ultimo saggio riassume in 15 punti le misure da adottare per arrivare ad una società pù giusta
Attilio Pasetto
Giovedì, 12. Gennaio 2017
Società
Un editoriale del giornale di proprietà del costruttore Caltagirone attacca Antonio Cederna e il "cedernismo", accusando le battaglie contro gli scempi urbanistici di conservatorismo e anticapitalismo e di aver frenato lo sviluppo della città. In nome di "forti valori", probabilmente immobiliari
Vittorio Emiliani
Domenica, 5. Marzo 2017
Mondo
Negli ultimi anni il ritmo della crescita mondiale è molto diminuito. Ha pesato la forte frenata del commercio, dovuta soprattutto al nuovo corso cinese. Il problema dell'occupazione, che non è necessariamente correlato alla crescita, dovrà essere affrontato con nuove soluzioni
Attilio Pasetto
Sabato, 25. Giugno 2016
Lavoro
Una sentenza della Cassazione ribalta i criteri in base ai quali si stabiliva il "giustificato motivo" del licenziamento: non conta se l'azienda è in difficoltà, sulla tutela del posto di lavoro prevale quella della libertà imprenditoriale. Un'interpretazione forzata della Costituzione che risponde ai paradigmi della cultura politico-ideologica dominante
Carlo Clericetti
Sabato, 14. Gennaio 2017
Italia
Italia e Giappone sono i paesi con più anziani e non compensano abbastanza con immigrati, da noi l'8,3% contro oltre il 13 di Usa, Canada, Germania, G.Bretagna, Francia, Spagna. Questo influisce sulla crescita che resta bassissima e sull'alto debito pubblico
Nicola Cacace
Venerdì, 13. Gennaio 2017
Cronache
Come lo scorso anno, il governatore nelle Considerazioni finali non risparmia pesanti critiche all’Unione, anche se poi riconferma la sua fede europeista, senza però spiegare che cosa potrebbe cambiare questo modo di procedere. E per l’Italia appoggia la politica – voluta dalla Ue – di alti saldi primari, cioè la politica che finora ha strozzato la nostra crescita
Carlo Clericetti
Giovedì, 1. Giugno 2017
Italia
I così detti beni secondari hanno un contenuto tecnologico più alto e un valore economico maggiore, ma richiedono che chi li compra abbia il tempo di imparare ad usarli. La loro domanda dipende dunque anche dall'orario di lavoro, che storicamente tende a ridursi, ma in Italia meno che in altri paesi - come la Germania - che infatti hanno risultati migliori di crescita e produttività
Roberto Romano
Domenica, 5. Marzo 2017
Italia
Negli articoli che trattano dell'appartenenza all'Unione e della formazione delle leggi non c'è - come è stato detto - un cambio puramente formale. Se vincerà il SI al referendum la sovranità italiana sarà esplicitamente vincolata ad autolimitarsi attraverso l'adesione alla Ue, divenuto un obbligo costituzionalizzato
Massimo D'Antoni
Lunedì, 21. Novembre 2016
Lavoro
Gli economisti Nicola Acocella e Riccardo Leoni intervengono per spiegare la genesi della sentenza della Cassazione sui licenziamenti. Genesi che va ricercata nella teoria neoclassica tradotta in interventi legislativi, come quello del governo Monti-Fornero (e il successivo Jobs act). Una strategia che sta mettendo a rischio i sistemi democratici
Nicola Acocella e Riccardo Leoni
Lunedì, 16. Gennaio 2017
Cronache
Il carattere demagogico della campagna elettorale di Donald Trump ha scandalizzato la stampa americana ed europea. Ma l'accusa di populismo è un alibi tendente a mascherare la crisi sociale e politica dei regimi democratici
Antonio Lettieri
Domenica, 5. Febbraio 2017
Economia
L’impennata dei "non performing loans" è stata causata essenzialmente dalla lunga crisi, ma ora è diventata un’ccasione di speculazione – con la vendita forzata – e di ulteriore inquinamento del mercato. Bisogna tornare a ciò che diceva Einaudi: "Le banche non sono fatte per pagare stipendi o per chiudere in utile; ma devono raggiungere questi giusti fini col servire nel migliore modo il pubblico"
Giuseppe Amari*
Martedì, 6. Giugno 2017
Italia
Può stupire che gli scissionisti del Pd dichiarino da subito l'intenzione di allearsi col loro ex partito, ma in fondo sono figli della stessa cultura, della quale si propongono al massimo di temperare gli eccessi liberisti. Così, però, l'area di sinistra, che "vale" circa il 10%, risulterà frazionata e quindi non in grado di richiamare chi si è rivolto ad altri partiti o all'astensionismo
Carlo Clericetti
Domenica, 5. Marzo 2017
Lavoro
Discorso di Pierre Carniti al convegno organizzato il 6 dicembre per celebrare i suoi 80 anni. Nell'occasione le Edizioni Lavoro hanno pubblicato un libro ("Pensiero, azione e autonomia") con un racconto autobiografico, vari saggi e dieci testimonianze di protagonisti del mondo sindacale
Pierre Carniti
Giovedì, 8. Dicembre 2016

Pagine

 

SOCIAL

 

CONTATTI