Cronache

Cronache
Battuto alle primarie del Pd solo un anno fa, in breve ha conquistato il partito e ora la guida del paese. Ma dovrà avere grande abilità acrobatica per destreggiarsi nelle riforme con Berlusconi e nel governo con Alfano, due avversari che sono avversari tra loro. E se non riesce a far virare la politica europea non farà meglio di Letta
Antonio Lettieri
Martedì, 18. Febbraio 2014
Cronache
Il fatto più grave dell’accordo sulla nuova legge elettorale e che sconvolge l’equilibrio dei poteri previsto dalla Costituzione in un modo che non trova uguali negli altri paesi. Ma non è tutto: non si mette in conto la spregiudicata capacità di aggregazione del composito universo del centro-destra, che potrebbe vincere e trovarsi in grado di impadronirsi di tutti i centri di potere
Antonio Lettieri
Giovedì, 23. Gennaio 2014
Cronache
Che Matteo Renzi vincesse la corsa per la segreteria Pd era praticamente certo, ma il come ha riservato una serie di sorprese. E tutto ciò che era imprevedibile prima compone ora un quadro per interpretare meglio l’accaduto
Carlo Clericetti
Domenica, 15. Dicembre 2013
Cronache
Il dopo-Berlusconi è iniziato, ma un programma che affronti i nostri veri problemi ancora non si vede. La cosa più urgente sarebbe ottenere una ricontrattazione del fiscal compact, ma Napoletano e Letta non usano a questo scopo il credito di cui godono in Europa, mentre Renzi, probabile vincitore del congresso, parla di flessibilità del lavoro e riforme costituzionali. Così si va dritti verso la fine di ciò che resta del Pd
Antonio Lettieri
Domenica, 1. Dicembre 2013
Cronache
L’M5S propone un “reddito di cittadinanza”, ma sbaglia calcoli e terminologia: quello a favore di particolari categorie disagiate (come prevede il loro provvedimento) si chiama “reddito minimo garantito” e il costo non sarebbe 19 miliardi come dicono, ma 50. Al di là del velleitarismo grillino il problema però è reale e il Pd dovrebbe affrontarlo con urgenza
Pierre Carniti
Martedì, 12. Novembre 2013
Cronache
L’ultimo rimasto a potersi definire partito è ridotto ad un fragile corpo politico intrappolato in un ginepraio di congreghe, cricche e camarille. Le primarie così congegnate non servono ad individuare un leader rappresentativo (anzi, rischiano di generarne due contrapposti), ma solo a contarsi in vista della spartizione delle nomine
Pierre Carniti
Domenica, 3. Novembre 2013
Cronache
Lo sgravio massimo di 14 euro è solo per chi ha un imponibile di 15.000 euro: poi scende, per la maggior parte sarà meno di 10 euro. I complimenti di Bruxelles possono incoraggiare i mercati a far scendere i tassi, ma se la produzione ristagna quanto può durare? (1 commento)
Ruggero Paladini
Venerdì, 18. Ottobre 2013
Cronache
Il governo ha superato l’ostacolo Berlusconi, ma ciò che conta è la sua capacità di modificare i termini della situazione economica e sociale. Soprattutto su due aspetti redistributivi: dei redditi per ridurre la disuguaglianza e del lavoro per impiegare più persone. Come si possono trovare le risorse necessarie
Pierre Carniti
Lunedì, 7. Ottobre 2013
Cronache
La disgregazione delle ultime grandi industrie è frutto dell’assenza di una politica industriale, bandita da quando l’ideologia reaganian-thatcheriana ha preso il sopravvento. Ma altrove, dagli Usa alla Germania, si proclama la dottrina mentre lo Stato interviene pesantemente, da noi invece si applica diligentemente questa linea fallimentare
Antonio Lettieri
Giovedì, 26. Settembre 2013
Cronache
Se Berlusconi mettesse in atto le sue minacce non solo renderebbe il Pdl responsabile di una crisi senza motivazioni politiche, ma soprattutto libererebbe il Pd dall’alleanza innaturale. Il successivo governo dovrebbe presentare entro ottobre la legge di stabilità a Bruxelles e avrebbe l’occasione di dare una svolta alla politica economica
Antonio Lettieri
Venerdì, 6. Settembre 2013

Pagine

 

SOCIAL

 

CONTATTI